REIMMATRICOLAZIONE (CAMBIO TARGHE)

DI COSA SI TRATTA E TEMPI:

Il cambio targhe si può richiedere a seguito di furto o perdita di una o entrambe le targhe e a seguito del deterioramento delle stesse che ne preguidica la catarifrangenza e la leggibilità.

l’intestatario della carta di circolazione o del Documento Unico deve fare denuncia agli organi di polizia o ai carabinieri. Solo dopo che sono trascorsi 15 giorni e le targhe non sono state ritrovate è possibile procedere con la reimmatricolazione.

DOCUMENTI NECESSARI:

  • Certificato Di Proprietà oppure Foglio Complementare
  • Carta di Circolazione o Documento Unico
  • Le targhe (entrambe se il motivo è il deterioramento) oppure denuncia di smarrimento inoltrata agli organi di Pubblica Sicurezza
  • Documento d’identità in corso di validità o Patente italiana di guida e codice fiscale
  • Permesso di soggiorno (solo per i cittadini extracomunitari)
  • Visura della Camera di Commercio (solo per le società)
NB: Certificato di proprietà digitale o Documento Unico
Se l’auto è stata movimentata dopo il 5 ottobre 2015 non esiste il documento cartaceo, in quanto il PRA ha rilasciato il Cdp Digitale o il Documento Unico ( da Giugno 2020)  in questo caso sarà sufficiente la Carta di circolazione (libretto).
 
 

SI PUO' CIRCOLARE CON UNA TARGA DI CARTONE?

Si è possibile in caso di smarrimento, ma SOLO DOPO AVER SPORTO DENUNCIA ALLE AUTORITA’ COMPETENTI, e per un periodo NON SUPERIORE A 15 GIORNI.